SETTE NUOVE “AQUILE” AL 61° STORMO. BREVETTATA ANCHE UNA GIOVANE PILOTA DI SINGAPORE

Presso la base aerea di Galatina vengono qualificati sette nuovi piloti militari destinati alle linee “fighter”, cinque italiani e due di Singapore

Testo e foto 61° Stormo Ufficio P.I. si ringrazia l'Uff.le P.I. Cap. Angelo Guerrieri

Si è svolta nella mattinata di venerdì 12 maggio, all’interno dell’aeroporto “Fortunato Cesari” di Galatina, sede del 61° Stormo, la cerimonia di consegna delle “aquile” di pilota militare a cinque ufficiali dell’Aeronautica Militare italiana e a due della Republic of Singapore Air Force (RSAF), la Forza Aerea della Città-Stato del sud-est asiatico.

L’evento è stato presieduto dal generale Vitantonio Cormio, Vice Comandante delle Scuole  dell’Aeronautica Militare/3ª Regione Aerea di Bari (CSAM/3^RA) che, come tradizione vuole, ha appuntato l’ambita “aquila turrita” sull’uniforme del primo classificato del corso; in questo caso, a ricevere il prestigioso riconoscimento è stata la prima donna di nazionalità straniera brevettata a Galatina, una giovane ufficiale di Singapore.

Il 61° Stormo, dipendente dal CSAM/3^RA, è l’unica scuola di volo in Italia che rilascia il brevetto di pilota militare ai cosiddetti fighters, i piloti destinati a volare sui velivoli a più elevate prestazioni avioniche ed aerodinamiche: Tornado,  AMX, Eurofighter e Joint Strike Fighter F-35. L’introduzione di sistemi tecnologici unici al mondo, unitamente alle tradizioni di cui la scuola è depositaria, hanno reso la base aerea salentina un punto di riferimento nel settore dell’addestramento al volo, sia in campo nazionale che internazionale. Attualmente il 61° Stormo ospita piloti dell’Argentina, dell’Austria, della Francia, della Grecia, del Kuwait, dell’Olanda, della Polonia e appunto di Singapore e, a breve, si aggiungeranno istruttori ed allievi provenienti da altre Nazioni. Un reparto dunque, quello di Galatina che, ancorché sia solo addestrativo, contribuisce in modo sostanziale ad una Forza Armata sempre più al servizio del Paese.

Per il colonnello pilota Luigi Casali, Comandante del 61° Stormo e dell’aeroporto, “per i giovani allievi la cerimonia di consegna delle aquile suggella il coronamento di un sogno; per noi, la Scuola di Volo di Galatina invece, che li ha accompagnati e guidati verso questo prestigioso traguardo, non rappresenta solo la chiusura di un percorso formativo, ma il senso stesso della nostra “ragione sociale” e della nostra quotidiana attività”.

Il generale Cormio, nel corso del suo intervento, ha sottolineato come “proprio partendo dalle nuove generazioni di aviatori, la formazione assume un valore significativo per essere sempre al passo con i tempi ed offrire al Paese professionisti in grado di adempiere, nel migliore dei modi, ai compiti loro assegnati”.

I nuovi piloti militari proseguiranno l’addestramento a Galatina frequentando presso il 212° Gruppo Volo il corso Lead In to Fighter Training propedeutico al successivo impiego sui velivoli aerotattici.

StampaEmail