Ferrari 250 SWB Custom da kit ESCI in scala 1/24

Un modello dimostrativo realizzato al solo fine di provare effetti di colore, customizzato cercando di rispettare il nome e la tradizione che porta una vettura così gloriosa. Vediamo cosa siamo riusciti a tirare fuori da un vecchio kit che nessuno avrebbe montato.

Modello, testo e foto di Silvio Pietropaolo

Certe scatole ti guardano da sopra gli scaffali per decine anni. Nel frattempo cambiano, si ingialliscono, peggiorano. Il cartone si rovina, le istruzioni si bucano, le decalcomanie si induriscono.

Un giorno decidi, mah! quasi quasi la do a mio figlio, così monta qualcosa di nuovo. Raimondo si mette, monta il motore, le sospensioni (rigorosamente a ruote dritte), gli interni, li dipinge nel solito marrone cuoio. Ma poi si ferma ed il modello resta ad attendere.

Un giorno riprendi in mano la scatola, Raimondo sta all'università a Torino, si avvicina una demo di colori, i colori li ho tanti e sbrilluccicanti. Allora pensi:"E famola strana!! qua non si butta niente."

Quindi vai di Primer Avorio

Poi di base nera lucida

e poi di cromo

...A specchio. A questo punto ho approfittato per cromare alcuni dettagli separatamente come specchetti, calandre e tergicristalli, mentre altre parti come le cornici dei fari ho preferito montarle in situ e cromarle insieme alla carrozzeria.

Dopo una mano di trasparente lucido ed alcuni giorni di riposo la nostra SWB è pronta per le mascherature.

Protetti fari e cornici vetri che resteranno cromati viene mascherata anche una banda centrale longitudinale e due filetti intervallati da un filetto che resta cromato utilizzando il fido Nastro Tamiya ed i filetti 3M. Adoro le verniciature in triplo strato con i colori Candy, le trovo molto più belle del normale metallizzato e più profonde avendo vari campioni di prova posso decidere che colore scegliere. Contravvenendo alla regola non scritta che il verde nelle competizioni porti scalogna cosa scegliamo per colorare la nostra SWB? Il verde, mi sembra logico!

Quindi do il Candy Acid Green sui filetti intermedi ed il Candy Green su tutta la carrozzeria, ottenendo un bellissimo effetto metallizzato opaco che col senno di poi forse sarebbe stato meglio conservare senza dare successivamente il lucido. Purtroppo qualche piccola scrostatura è sempre in agguato con questi colori assai sottili. Vedremo di ritoccare in seguito.

A questo punto viene mascherata la banda centrale su cui do un fondo nero per poi poter applicare l'ultra mini flake per dare un pò di sbrilluccichìo a questa Ferrari. Poi con il Candy Gold lo sbrilluccichìo diviene pure dorato.

Su tutto il modello ho poi dato delle velate di Ultra mini flake e perla gold al fine di ottenere un effetto brillatinato sulla carrozzeria, meglio visibile sotto al sole e sotto la luce.

Il risultato finale è stato questo, una vera americanata custom su una Ferrari d'epoca (Il "Drake" si rivolterà nella tomba). Avendo dei problemi col catalizzatore del trasparente lucido 2k perchè sicuramente un pò stagionato, ho poi deciso di lisciare la superficie e dare il trasparente lucido all'acqua con risultato più che apprezzabile anche se lasciato non lucidato.

Sinceramente dal famola strana al famola esaggerata il passo è stato breve dato che avendo un set di ruote retrò ma sportive ribassate ed a cinque razze ho deciso di accantonare i cerchi a raggi in dotazione e montare queste ruote naturalmente ricolorandole nel tradizionale oro scuro opaco fine anni 60, inizio anni 80 e montandole con gomme ribassate e sporgenti dai parafanghi della carrozzeria con il risultato che vedete con tanto di scritta dunlop dipinta sulla spalla pneumatico.

Mentre, come da tradizione, la vettura ha avuto i loghi Ferrari nelle posizioni canoniche ed i dischi portanumero bianchi sui cofani e col n° 14 sulle portiere come spesso avveniva in attesa di numerazione prima dell'iscrizione ad una nuova gara. Anche i fanali hanno subito una azzurritura sui fari principali ed una giallitura sui fari antinebbia o di profondità fatte con colori Candy dati dal lato interno.

Il risultato finale è questo. Qualcuno urlerà al sacrilegio, il Drake continua a rivoltarsi, ma in fondo a me piace questo esempio di Ferrari d'epoca Custom a ruote esaggerate e colore sbrilluccicante. Del resto data la rarità ed il valore di queste vetture solo su un modellino ci si può sognare di fare una macchina così. Per finire il tutto sul parabrezza è stata riprodotta con candy black violet la tipica banda superiore fumè per schermare il sole e gl'interni sono stati ridipinti in sabbia-crema per aumentare il contrasto con la carrozzeria.

Alcune foto di rito con l'altro mia auto fatta con colorazione Custom, una Fiat Barchetta, danno una senzazione di cosa si possa ottenere con le verniciature in triplo strato e non avete idea di quanto ci si diverta a fare queste cose.

Di seguito altre foto buon modellismo e buona visione.

 

StampaEmail