Grumman OV 1D Mohawk Roden 1/48

Abbiamo Rotto la scatola del Mohawk della Roden e ne siamo rimasti piacevolmente colpiti. Vediamo in dettaglio le caratteristichedi questo kit.

Testo e foto di Silvio Pietropaolo

Si ringrazia la ditta Modellismo 48 per aver concesso il kit oggetto dell'articolo

Fare modellismo al sud è spesso più complicato che nel nord italia. Gli amici che abitano nel nord italia hanno più occasioni d'incontro nelle tante e bellissime mostre che di domenica in domenica si susseguono nella varie province. Anche la presenza di un maggior numero di negozi facilita il reperimento del materiale di consumo e dei kits. Per questo motivo avere per le mani un kit della ditta Ucraina Roden è per noi quasi un evento e ci permette di scoprirne le peculiarità. Già molto nota nella riproduzione di soggetti aeronautici non convenzionali risalenti alla prima guerra mondiale o ai soggetti sovietici meno noti in occidente, la Roden ha in catalogo anche qualche soggetto contemporaneo tra cui alcune scatole riproducenti le varie versioni del Grumman OV 1 Mohawk. L'OV 1 è un velivolo da osservazione già utilizzato ai tempi della guerra del Vietnam. Questa specialità si è particolarmente evoluta nel corso degli anni ed anche questo velivolo si è evoluto di pari passo fino ad essere utilizzato anche negli ultimi conflitti in Iraq dall'Esercito americano. Anche Israele ne fa un utilizzo intensivo per monitorare i movimenti di guerriglieri al suolo proprio nella versione aggiornata con il sistema SLAR (Side Looking Airborne Radar) alloggiato nel lungo fuso sotto la fusoliera che catratterizza la versione D della scatola che andiamo a scoprire.

Apriamo la scatola e troviamo una busta con foglio istruzioni e decals, una con le stampate in cui in un'altra busta sono ospitati i trasparenti. L'imballaggio ha egregiamente protetto le parti del kit. il manuale è in Cirillico ed Inglese.

Completo e dettagliato, spiega nel dettaglio fasi di montaggio numero e tipo delle parti, schemi di verniciatura e posa decals.

E' anche presente una tabella colori con i codici riferiti alle gamme: Humbroll, Testors, Lifecolor e Gunze.

Da questo kit dell'OV 1D possiamo ricavare due velivoli dell'US Army di cui uno basato in Arabia Saudita nel 1991 durante la prima Guerra del Golfo entrambi in colorazione grigia wraparound ma con diverso colore di segnaletiche e codici in nero per uno ed in grigio a basso contrasto per l'altro. La terza versione riproduce un velivolo israeliano in colorazione oliva sopra e grigio sotto.

Le decalcomanie sono belle, nitide ed a registro la finitura è satinata e sembra di ottima qualità. Le parti in plastica sono ospitate in 6 stampate più una per i trasparenti.

Grande qualità di stampaggio e di dettaglio superficiale, le parti riproducenti i frames sono satinate e i due portelli d'accesso sono separati e permettenono il posizionamento aperti. Anche i pannelli strumenti sono ricavati da parti trasparenti stampate a rilievo, ciò permetterà di dipingere alcuni dettagli pure sulla faccia posteriore dando tridimensionalità agli strumenti.

Passando alle stampate in polistirene grigio, non si può che rimanere altemente soddisfatti dal lavoro fatto dai masteristi e stampisti ucraini. La qualità della plastica è molto buona, il dettaglio e veramente di alto livello e le parti non presentano sbavautere impossibili.  Le pannellature sono in un bel negativo di giusta profondità e spessore, sono presenti i vani aerofreni con dettaglio interno del vano e dell'aerofreno. I carrelli sono molto ben fatti come pure le ruote. Anche i vani presentano riprodotta lo struttura e volendo possono essere dettagliati con qualche tubicino.

Nel mio caso una delle semiali superiori è leggermente deformata bombata ma la plastica è molto sottile per cui incollandola con la semiala inferiore l'imbarcamento sparirà automaticamente.

Per riprodurre le varie versioni, nel kit sono correttamente presenti due tipi di fusi dello SLAR.

In generale le linee sembrano bel rispettate come pure le misuer ma chi ci legge sa bene che non siamo soliti stare col calibro in mano ma che preferiamo valutare la qualità tecnica dei kit e la sua rispondenza generale al soggetto da riprodurre. Dalle immagini di qualche modello montato presente in rete, l'impressione è molto buona e ben rispondente al particolare soggetto da riprodurre. Il kit sembra ben riprodurre la particolare architettura di questo originale velivolo. Il nostro giudizio su questo kit è lusinghiero dato la bella qualità di stampa, le buone decalcomanie, i bellissimi interni, il dettaglio valido e corretto, l'ottimo manuale. insomma già da scatola se ne potrà trarre un ottimo modello ad un rapporto qualità prezzo onesto e commisurato. Di seguito la galleria d'immagini ci permetterà di scoprire altri dettagli del kit ed in futuro avremo modo di presentare il modello nella sua versione americana ed in quella israeliana. 

Buon Modellismo Silvio Pietropaolo

 

 

Stampa