Abbiamo rotto la scatola del Gaz 233014 "Tiger" in scala 1/35 della Zvezda

Potremmo dire che è il Lince di Madre Russia, Il Gaz 2330 è il nuovo veicolo leggero tuttofare delle forze armate sovietiche che ha subito suscitato molto interesse sin dalle prime immagini viste nelle parate sulla Piazza Rossa. Oggi scopriamo insieme il kit in scala 1/35 della Zvezda per carpirne pregi e difetti.

Testo e foto Silvio Pietropaolo

Si ringrazia la ditta Pama Trade (Distributore Zevda) per aver concesso il modello oggetto dell'articolo.

Recentemente abbiamo avuto la possibilità di visitare gli stabilimenti ed Uffici Pama Trade ed Italeri, ciò ci ha permesso di salutare di persona dei cari amici. In questo incontro, oltre ad alcune novità Italeri che presenteremo nei prossimi giorni, ci è stato proposto di "rompere la scatola" del nuovo kit Zvezda del Gaz 233014 indicato dagli amici di Pama Trade come un kit di riferimento per questo particolare nuovo veicolo leggero sovietico. Inutile dire che noi non ci tiriamo mai indietro quando si tratta di "rompere le scatole" e che soprattutto non ci tiriamo mai indietro dal montare poi quello che ci viene offerto perchè siamo dell'idea che un modello montato è sempre più eloquente di tante parole. Per cui abbiamo accettato la sfida di studiare questo nuovo kit ed anche il soggetto riprodotto in questione ancora non noto ai più.

Prima di rompere la scatola siamo sempre soliti guardarla da fuori, a parte i caratteri cirillici, replicati in testo inglese a noi più comprensibile, troviamo una bella vista pittorica di questo veicolo multiruolo leggero sovietico molto simile come categoria più al nostro Iveco Lince che all'Humvee americano.

Sull'involucro esterno troviamo subito le informazione che vogliamo sapere e cioè rappresentazione del foglio decals, in modo da farci un'idea di che versioni possiamo riprodurre, e la lista colori indicata sia per i codici Zvezda che per i codici Humbroll anche se qualche numero va verificato perchè errato ma niente di particolarmente complicato dato che con il nome colore si comprende subito l'errore di numero Humbroll.

L'involucro esterno sembra essere del tipo senza coperchio ad apertura laterale ed in effetti è così ma a sorpresa dentro troviamo una robusta scatola in cartone marrone con coperchio che ospita le parti del kit con le istruzioni. La cosa ci piace molto perchè le scatole con coperchio permettono di riporre al sicuro anche le parti separate o semi assemblate che invece nelle scatole ad apertura laterale potrebbero fuoriuscire accidentalmente e perdersi in particola quando per casa girano tre splendidi micioni che come vedono scatoli adorano mettercisi sopra.

Ma cominciamo a parlare di plastica che tanto ci piace. Il consiglio degli amici di Pama Trade di presentare ai nostri lettori questo nuovo kit si è confermato un ottimo consiglio aprendo la scatola dato che ci troviamo di fronte ad un ottimo kit con dettagli definiti e presenti in tutte la parti interne ed esterne del veicolo offrendo una riproduzione già da scatola di elevato livello. Gli schemi indicano 3 stampate di parti in plastica di colore grigio medio, una per i cinque pneumatici in vinile ed una per le parti trasparenti, più le decals ed una retina in pvc. In effetti le stampate A e B sono di grandi dimensioni per cui si dividono in due per un totale di 5 sprues in plastica grigia con veramente tanti pezzi.

le varianti disponibili sono tre tutte con colorazione in verde militare è prevedono stemma dell'armata rossa, stemma con la stella rossa con bordo bianco e blu e stemma con stella con fascia in nero-arancio.

Vediamo ora le stampate cominciando da quelle principali con lettera A che ospitano le parti principali della carrozzeria.

Come molti veicoli moderni anche questo Gaz presenta superfici lisce e squadrate su cui troveranno alloggiamento alcuni accessori quali arnesi da zappatore e cavi di traino.

Nella successiva stampata troviamo soffitto, pianale e cofano con ulteriori parti per meccanica e dettagli.

Molto bello il cruscotto che imporrà la possibilità di lasciare le portiere aperte per vedere i dettaglio degli interni.

Le parti per i dettagli e la meccanica sono veramente tante per cui Vi rimando alle foto della gallery dove troverete foto anche di dettaglio di tutte le stampate e tutte la parti.

 La retina in PVC servirà a riprodurre in maniera adeguata e credibile le griglie presenti nella parte frontale, mentre gli pneumatici sono riprodotti in vinile gommoso in numero di 5 quindi inclusa la ruota di scorta.

Insomma impressione più che positiva rompendo la scatola di questo kit ma non avendo molta esperienza con i kits della ditta Ucraina abbiamo subito voluto iniziare il montaggio del kit in modo da poterVi raccontare le nostre prime impressioni. Siccome non ci piace vincere facile volutamente ne io con i miei 40 anni d'esperienza modellistica ne Gabriele Luciani con i suoi oltre trecento modelli montati abbiamo voluto sfruttare la nostra cospicua esperienza modellistica per provare il montaggio, quindi ho incaricato di assaggiare questo kit mio figlio Raimondo che ha sicuramente una esperienza più ridotta nel montaggio di kit di veicoli militari in scala 1/35; proprio per avvicinarci di più ad aventuali difficoltà che il modellista medio potrebbe incontrare nell'affrontare il montaggio di questo kit che, per dovizia di piccole parti, possiamo considerare mediamente complesso. Insomma volevamo capire se iniziare a montare questo modello fosse risultato più o meno difficile ai più e non valutare come lo monterebbe un Villalba o un compianto Verlinden.

Nel caso di mezzi militari ruotati il montaggio solitamente inizia sempre dall'autotelaio che in questo kit viene offerto come pezzo unico pur non trascurando la cura dei dettagli di stampa. le parti aggiunte vanno in posizione in maniera esatta e precisa ed una volta poggiate è sufficiente toccare con il pennellino di colla liquida thiny per saldare la parte con incollaggi sicuri, precisi e puliti.

Sotto al pianale vanno invece fissati gli organi meccanici della trasmissione, le sospensioni, ammortizzatori e sistema sterzante, sterzabile. Avere la possibilità di mettere le ruote sterzate aggiunge realismo al mezzo. Anche il groviglio di braccetti di sospensioni, trasmissione e sterzo è semplice da dipanare con posizionamenti ed incastri precisi che non richiedono lavorazioni o aggiustamenti. Tutto va al suo posto esatto poi bloccato con la solita goccia di colla liquida.

Una volta assemblato autotelaio e pianale, l'insieme che ne deriva è di una riproduzione di grande effetto e sarà da valorizzare con un'opera di pitturazione ed impolveratura come solo sui mezzi militari ci si può divertire a fare.

L'assaggio veloce di montaggio è stato di gran gusto e soddisfazione; continueremo il montaggio di questo kit con la cura che e la calma che è giusto dedicare per presentarVi poi il modello che possa esprimere tutto il potenziale possibile perchè Voi lettori possiate valutare la resa ed il realismo dello stesso. Intanto penso che ognuno si possa essere fatto una buona idea su cosa il Gaz Zvezda ci offre dentro la scatola e su come lo si monta. La nostra impressione su questo kit è positiva per definizione, dettaglio e montaggio per cui lo consigliamo sia per passare un pò di tempo libero estivo e creare un bel modello, o per passare il prossimo autunno al fine di realizzare un modello da concorso magari ambientato in qualche teatro operativo o in mezzo alla tundra innevata. Buon divertimento con questo Gaz Zvezda. Di seguito le foto di tutte le stampate ed istruzioni.  

Stampa