Abbiamo rotto la scatola del Northrop Grumman X 47B kit Italeri n° 1421 in scala 1/72

Italeri ha spiazzato tutti presentando a sorpresa una novità tanto inaspettata quanto gradita e non anticipata in nessun catalogo. Per primi lo abbiamo ottenuto, addirittura in anticipo alla distribuzione nei negozi. Scopriamo insieme il nuovo kit Italeri dell'U.C.A.V. della U.S. Navy in scala 1/72

Modello collezione arch. Pietropaolo, si ringrazia il distributore Pama Trade e la ditta Italeri per aver concesso in tempi ridotti il kit oggetto dell'articolo.

Testo e foto di Silvio Pietropaolo

Generalmente li hanno chiamati droni, ma poi anche Unmanned, o U.C.A.V. ma qui siamo al livello più alto. Un Predator è quidato a distanza, un Global Hawk vola quasi da solo da una parte all'altra del mondo. Ma qui quello che abbiamo visto nel film Stealth diventa realtà, L'X 47B è il livello più alto raggiunto dai velivoli senza pilota a gestione e volo autonomo. Molto belli ed interessanti i filmati che si possono vedere su you tube dove il personale di supporto per le attività sul ponte di volo rimane immobile ad osservare i movimenti di questo velivolo che autonomamente si sposta sul ponte volo delle portaerei americane per mettersi in posizione di decollo. Velivolo da attacco senza pilota, l'X 47B ha capacità stealth spinte, l'architettura ricorda quella del Northrop B 2, niente derive, presa d'aria e scarico nella valva superiore, architettura tutt'ala, armamenti trasportati in stive interne ventrali. L'X 47B ha scritto una pietra miliare nella sperimentazione del volo autonomo in ambito operativo molto tirato e stringente come solo il ponte di una superportaerei può essere. Il programma di voli è iniziato nel 2011 e terminato nel 2015, prima con le simulazione a terra e poi a bordo di ben due supercarriers nucleari americane in navigazione raggiungendo la piena operatività anche con rifornimento in volo.

Oggi Italeri ci presenta a sorpresa un kit che non era stato anticipato in nessun catalogo ed a meno di una sattimana della sua presentazione al pubblico ed a soli 4 giorni dal rilascio in distribuzione ve lo presentiamo in anteprima.

Prima di rompere la scatola iniziamo dall'esterno. Italeri ci ha ormai da tempo abituato a scatole di bella grafica con boxart accattivanti e le giuste informazioni già indicate all'esterno, oltre alle versioni abbiamo indicati i colori necessari, il foglio decals.

Informazione importante l'ingombro modello, infatti anche se in scala 1/72, l'X47-B non è un dimostratore di tecnologia in scala ridotta ma è un velivolo imbarcato operativo d'attacco a tutti gli effetti con dimensioni paragonabili agli altri velivoli operanti dalle portaerei e come gli altri velivoli imbarcati è dotato di ali ripiegabili per rientrare nei limiti d'ingombro in parcheggio previsti. A modello finito ci ritroveremo un'apertura alare di oltre 26 cm e lunghezza di oltre 16 cm.

Rompendo la scatola ci si trova dinanzi relativamente poca roba: una busta con due stampate, il foglio istruzioni ed il foglio decals. Qualcuno potrebbe rimanere deluso abituato ad aprire una di quelle scatole cinesi con quintali di plastica, spesso non necessari al montaggio del kit perchè pezzi a doppio del necessario, ma quello che ci viene offerto è di grande pregio e qualità e ci permetterà di realizzare un ottimo modello.

Subito l'occhio cade su un tagliando inserito dentro la busta di cellophane delle stampate dove viene chiaramente riportata la dicitura Made in Japan, cosa simile a quando aprimmo la scatola del P 51 Italeri in cui gli stampi erano Hasegawa. In effetti l'X 47-B in scala 1/72 non è una novità assoluta come kit dato che è stato già prodotto dalla ditta giapponese Platz in tre reboxing diversi. Italeri ha quindi edito il nuovo kit utilizzando le stampate Platz con decals, istruzioni e scatola propria ma soprattutto rendendo più facilmente disponibile sui mercati nostrani attraverso la distribuzione di Pama Trade questo kit che è sempre stato di difficile reperibilità in italia ed in europa ed a prezzi molto elevati dato che non era distribuito sui nostri mercati.

Il kit è stampato su due sprues, la costruzione dei velivoli stealth prevede di solito due valve come un'ostrica per cui questo riduce di molto le parti da stampare e rende il montaggio praticamente senza necessità di usare stucco.

Il kit non ha stampate per parti trasparenti non avendo abitacolo (anche se forse qualche lucina nei carrelli e sul velivolo ci dovrebbe essere). Permette di riprodurre il velivolo a carrelli estesi o retratti, stive armi chiuse o aperte, ali estese o ripiegate ed aerofreni alari aperti o chiusi.

Gli schemi per la posa decals e per la pitturazione sono dettagliati ed a colori come avviene ormai sistematicamente in tutta la produzione recente italeri. Qualche dubbio sorge per il tono di grigio indicato per la colorazione in quanto il 36270 potrebbe risultare piuttosto scuro sul modello, io opterei per un tono più chiaro come 36375 o 36300.

Il kit Italeri dell'X 47-B prevede tre varianti di decals e la possibile riproduzione di due velivoli diversi X-47B 168063 e 168064 cosi come hanno operato sulla USS Stennis ed USS Washington.

Il foglio decals è di buona qualità realizzato da Zanchetti, la finitura è satinata, il bordo è inesistente e i soggetti hanno colori saturi ed a registro.

(Immagine reperita sul web ed inserita al solo scopo di discussione, ogni diritto dell'autore.)

Purtroppo inspiegabile appare l'utilizzo del colore rosso per riprodurre le linee delle walkwais sul foglio decals, dato che le tante foto in rete di questo velivolo mostrano chiaramente che tutti i fregi di reparto, sicurezza, attenzione, e walkwais sono chiaramente di colore grigio scuro assimilabile al 36118 o 36081 come visibile in maniera inequivocabile nella foto sopra.

Per altro il tono del grigio scuro delle altre segnaletiche e fregi è ottimo ma purtroppo le linee di walkwais ci colore rosso andranno o sostituite (con quelle del C 130J o C 27J ad esempio tagliate a misura) oppure ridipinte. Come sempre facciamo abbiamo segnalato questa svista in ditta e la ditta procederà ad  un'opportuna correzione nei modi che riterrà opportuno.

Questa volta l'errore sembra essere direttamente sul file grafico, dato che anche sulla scatola il foglio è riportato erroneamente con le linee di walkwais di colore rosso e quindi errate.

Ma andiamo alla plastica, che poi è la cosa più importante: Bella, bella, bella! Incisioni di grande pregio, sottili e precise, finitura superficiale microrugosa, satinata come deve essere, differenze di spessore delle piastre superficiali perfettamente riprodotta.

Una stampata riproduce le parti superiori del velivolo incluse ruote dei carrelli, scarichi e portelli stive armi, tutto molto bello in un ottimo negativo con la finezza che i rivetti all'interno dei portelli carrelli sono in un finissimo positivo, quindi in giusto rilievo. I vani carrelli e le stive armi presentano la struttura di base dei vani, implementabile con qualche tubo o cavo riproducibile in filo metallico.


La seconda stampata ci fornisce tutte le parti inferiori del velivolo inclusi i carrelli, i portelli carrelli e due bombe JDAM a guida GPS, arma deputata per questo tipo di velivolo.

Anche in questo caso ottimo dettaglio dappertutto, bei carrelli, e belle JDAM, anche il dettaglio delle ali è molto bello.

Insomma per la nostra esperienza il montaggio dovrebbe filare liscio come il burro, le parti sono già di per se dettagliate anche se i più esigenti si potranno divertire ad aggiungere tubi e tubicini dentro ai vani carrelli e stive o sulle gambe degli stessi carrelli.

Una buona verniciatura sarà essenziale per rendere giustizia a tale bel dettaglio. presto monteremo questo modello in modo da poterlo presentare sul suo complemento naturale che speriamo Italeri rimetta presto in distribuzione; il Flight Deck.

In conclusione abbiamo un ottimo modello di facile montaggio e dalla resa assolutamente accattivante, con decals di buona qualità alle quali dovremo però sostituire le linee di walkwais. Presto lo monteremo per Voi in modo da presentarvelo insieme ai nostri consigli di montaggio

Buon Modellismo e buona visione delle foto di dettaglio

Stampa