Abbiamo rotto la scatola della Lamborghini Miura Jota SVJ kit Italeri n°3649

Auto estrema come solo in Italia sappiamo fare da sempre. Versione cattiva della mitica Lamborghini Miura, scopriamo insieme il nuovo kit Italeri che la riproduce in scala 1/24.

Testo e foto di Silvio Pietropaolo

Si ringrazia Pama Trade ed Italeri per il kit concesso per la presentazione.

Ferruccio Lamborghini costruiva trattori ma gli piacevano le auto sportive e criticava Enzo Ferrari, perchè non riteneva le auto prodotte a Maranello  sufficientemente belle e veloci, afflitte pure da problemi di surriscaldamento dei motori. L'ing. Ferrari rispondeva: "che ne capisce Lei che costruisce trattori ?". Allora Lamborghini sbattendo la porta dello studio del "Drake" sbottò: "Le farò vedere che costruirò una macchina sportiva, più veloce, più bella e che riscaldi meno delle sue". Queste parole si concretizzarono nella nascita della Automobili Ferruccio Lamborghini e poi della Miura, ma la sfida vera a Ferrari, Lamborghini la lanciò producendo la Miura Jota, una edizione speciale  con tanti cavalli e tanta cattiveria in più.

Vettura estrema per l'epoca (erano i primissimi anni 70) fece tremare la concorrenza e preoccupò Enzo Ferrari facendo nascere fra le due case automobilistiche una rivalità mai sopita e mantenuta anche dopo la morte dei due rispettivi fondatori che in pratica hanno dettato legge nel mondo dell'automobilismo GT e sportivo a livello mondiale. Per questa atavica disputa, nel momento in cui la Lamborghini versò in cattive acque, la Ferrari in pratica si oppose al salvataggio della ditta rivale da parte della Fiat (cosa poi attuata con la Maserati). Per cui tale il prestigioso marchio della fabbrica di Sant'Agata Bolognese prima passò nelle mani degli arabi, poi di Chrisler quando ancora non era FCA e poi alla fine rilevato da Audi - VW che ne mantiene l'attuale proprietà come per Ducati. Oggi Lamborghini continua a produrre vetture estreme con prestazioni estreme come la Jota che ne fu il capostipite in quel periodo.

La scatola parla chiaro con in copertina una splendida Jota in colore Rosa antico caramellato e metallizzato. Colore tipico della Jota ed ancora portato da almeno tre esemplari in perfetto stato e conservati nel Regno Unito, di cui due riproducibili con il kit, ovvero quello targato 71SWJ con fascia inferiore alluminio ed il KGW194K con fascia nero satinato. Ma un terzo esemplare assai accattivante ed in perfetto restauro si è visto girare in tempi recenti sempre con lo stesso colore ma con la fascia inferiore e cerchioni in tono oro antico. Queste vetture erano tutte pezzi unici per cui conviene reperire qualche foto dell'esemplare che si volesse riprodurre anche per verificare se montavano il caratteristico alettone ad ala alla fine del tettuccio oppure se erano dotate di passaruota posteriori allargati o spolier anteriore maggiorato.

Il kit Italeri della Lamborghini Jota deriva da quello della Miura in cui vengono aggiunte le parti per farne la versione spinta: nelle stampate troveremo in più il famoso alettone, lo spoiler anteriore, le carene per i fanali ed altri dettagli.

La carrozzeria è stampata gia in rosa antico in due pezzi separati, cofano motore e parte centro.anteriore. Si presenta liscia senza ritiri, senza segni di stampaggio ed ottima base per essere dipinta. Per i pigri potrebbe essere levigata e poi lucidata con un trasparente superlucido dato già il tono colore molto simile all'originale.

Per maggior realismo i più esigenti potranno rimuovere le parti che riproducono le griglie e sostituirle con grigliette fotoincise o tulle per bomboniere.

Ma le forme di questa vettura sono così accattivanti e conturbanti che come si guarda la cover box non si riesce a non pensare ad una pitturazione custom a suon di colori Kcolors.

La vettura ha gli interni ben riprodotti e prevede come finestrini laterali delle vetrature in acetato pretagliato fornite in un foglietto a parte.

Altri dettagli come gli stemmi e gli strumenti interni vengono fornite come decalcomanie di buona qualità.

Come già accennato il cofano posteriore è disponibile separato per cui posizionabile anche aperto.

Purtroppo però il dettaglio riprodotto si riduce a parte del telaio, con all'interno ben stampata la parte superiore del motore con le testate ed i 12 tromboncini d'aspirazione dei carburatori: non c'è quindi l'intero blocco motore nè tutta la ciclistica e la meccanica del retrotreno che comunque non dovrebbe vedersi; soltanto facendo una prova del motore in sede potremo capire se la zona necessita di dettaglio aggiungibile o è meglio chiudere il tutto e concentrarsi sull'esterno.

Le stampate sono di colore nero o alluminio a parte quello della carrozzeria rosa vinaccia, il pezzo con la parte superiore del motore riproduce le due testate del 12 cil.

I cerchioni sono nella stampata alluminio, necessitano di una ripulitura di alcuni fori e di una ripitturazione con metallici adeguati. Gli pneumatici sono in vinile con larghezza differenziata tra anteriori e posteriori.

Le parti trasparenti sono sottili, limpide e ben stampate per cui sara importante una buona pitturazione dei fanali posteriori con colori trasparenti tipo clear o candy.

Dettaglio importante le ruote anteriori possono essere posizionate sterzate per cui questo sarà fondamentale per un migliore realismo della nostra Lamborghini Miura Jota. Insomma un kit interessante per il bellissimo soggetto che si presta sia a riproduzioni realistiche, che a personalizzazioni e customizzazioni di fantasia, ma è certo  che la scelta tra una Jota rosa met ed oro antico ed una Jota full special custom colors è veramente ardua e difficile. Quindi a voi la scelta e Buon Modellismo.

Stampa